Questo sito utilizza esclusivamente cookie "tecnici" e "di terze parti". Navigando questo sito l'utente ne autorizza l'utilizzo. Per leggere l'informativa relativa clicca qui

Spoiler: alla fine muoiono tutti

Francesco Vico

Spoiler: alla fine muoiono tutti

ISBN 978-88-94905-04-5 (cartaceo, 10,00 euro)

(56 pp. 12,8x17cm brossura)

ISBN 978-88-94905-05-2 (eBook, 1,99 euro)


33 poesie "divertentissime" sul fatto che una delle poche cose sicure della vita è che a un certo punto si muore.

Scanzonata, eclettica, fondamentalmente "strana": una raccolta di poesia che se da un lato - a modo suo - trae ispirazione dalla "poesia intellettuale" di Jorge Luis Borges mescolandola con il gusto per l'assurdo e per la critica sociale di Vonnegut, dall'altro rappresenta un tentativo di portare la poesia su un binario linguistico di semplicità, che non significa necessariamente facilità o faciloneria, bensì comprensibilità.

Un libro per riflettere su un tema - quello della morte, della fine connaturata in ogni cosa esistente - che da sempre affascina e spaventa, usando i temi (social network, serie TV, bufale sul web, riscaldamento globale, crisi) della contemporaneità.

Motivi per comprare questo libretto di poesie

Per prima cosa acquistando questo libretto di poesie

(ammesso che siano poesie, non mi piace chiamare così

le robe che scrivo, le chiamo così in questa roba

per una questione di chiarezza, poi prometto che smetto)

hai acquistato un buon numero di foglietti

scritti solo in parte

andando

spesso

a

capo,

e avanza un sacco di spazio per scriverci le cose tue

(se stai leggendo la versione digitale

per te questo punto non vale, infatti

l'hai pagata di meno).

Inoltre fai bene all'economia

perché con quel poco che ci faccio

mi ci posso comprare la birra o le sigarette

e alziamo un po' il PIL. Se poi per assurdo

lo comprano non dico tutti, ma almeno parecchi,

mi ci posso comprare abbastanza birra e sigarette

da diminuire notevolmente la mia aspettativa di vita

e abbassare le possibilità che in futuro io riesca

a pubblicare un altro libretto

con il risultato che non devi acquistarne degli altri

e quindi risparmi.

Comprando questo libretto di poesie

puoi anche tirartela un po' quando viaggi col treno

e magari provare a rimorchiare

o a farti rimorchiare

con la classica scusa del "di cosa parla?"

Ovviamente funziona soltanto se all'altra persona

interessano le poesie

e il rischio maggiore è che l'altra persona

a cui piacciono le poesie

le scriva anche

e voglia leggertene una sua lì sul treno

con tutto il vagone incazzato che sono le sei e cinquantuno

e già il treno è in ritardo

e già piove

eccheccazzo, almeno un po' di silenzio.

Ma il motivo principale

per comprare questo libretto di poesie

è che dentro ci stanno delle poesie

che parlano principalmente del fatto

che una delle poche cose sicure della vita

è che a un certo punto si muore

anche se nel frattempo succedono un sacco di cose

e non sono quei pensieri che si fanno volentieri

e magari se li pensi non ci dormi la notte

e invece così ci ho già pensato io

e ho provato a mettere ordine in 'sta gran confusione

mettendola giù in parole

così puoi pensare "che bella poesia" o "che immonda stronzata"

e dimenticartene subito dopo.

Associazione Culturale Librido

Via alla Rocca di Legino 1/7

17100 Savona (SV)

Contatti: librido@libridolibri.it

Pagina Facebook: Associazione Culturale Librido